La trasformazione della scuola in Italia fra Ottocento e gli Anni Duemila: dalla formazione cattolica a quella laicista

Dal 6 maggio 2021

Il corso si prefigge l’obiettivo di spiegare, attraverso le principali figure pedagogiche, con quali azioni legali  e con quali modalità, sia avvenuta la secolarizzazione, la confusione e la perdita di identità educativa, conseguenza e frutto della chiara conoscenza della natura umana, in Italia, nazione che ha per capitale il cuore della Cattolicità e che vantava programmi scolastici fra i migliori al mondo.

Il corso sarà articolato in 6 lezioni di 2 ore e 30 minuti ciascuna. Le lezioni si svolgeranno il giovedì dalle ore 18 alle 20:30. La data di inizio del corso è il 6 maggio 2021.

  1. Il sistema educativo dei Gesuiti avversato dalle forze illuministe e rivoluzionarie.
  2. La pedagogia del Marchese Carlo Tancredi Falletti di Barolo, fondatore del primo asilo in Italia, a confronto con quella di Ferrante Aporti, sostenuta dai governi liberali dell’Ottocento.
  3. Il metodo preventivo di San Giovanni Bosco negli anni delle Leggi Bon Compagni (1848), Lanza (1857) e Casati (1859).
  4. Il successo della pedagogia di Maria Montessori e la Riforma scolastica del Ministro della Pubblica Istruzione Giovanni Gentile.
  5. L’occupazione delle Università e dei Licei nel Sessantotto con l’attacco alle cattedre e all’autorità paterna.
  6. Il piano formativo delle otto competenze chiave di «cittadinanza globale», adottate nel 2018 dal Consiglio dell’Unione Europea per l’apprendimento permanente.

DATE delle 5 LEZIONI:

  • 6 maggio 
  • 13 maggio 
  • 20 maggio 
  • 27 maggio 
  • 3 giugno
  • 10 giugno
Cristina Siccardi

Docente: Cristina Siccardi

Cristina Siccardi è nata a Torino il 2 maggio 1966, è sposata e ha due figli. Laureata in Lettere moderne con indirizzo storico, è iscritta all’Ordine dei Giornalisti dal 1989, è vicedirettore della rivista on-line «Europa Cristiana» e collabora con diverse testate giornalistiche e radio fra cui «Radici Cristiane», «Corrispondenza Romana», «Radio Roma Libera», «Radio Buon Consiglio». Membro delle Accademie Paestum, Costantiniana, Ferdinandea, Archeologica Italiana, Bonifaciana, il 26 novembre 2010 ha ricevuto il Premio «Bonifacio VIII» della Città di Anagni. Tiene conferenze ed è chiamata a tenere lezioni di carattere accademico. In trent’anni di attività culturale ha pubblicato più di 60 opere, tradotte anche all’estero, sulla Storia della Chiesa, su Casa Savoia, sull’Arte Sacra.

Le iscrizioni al corso apriranno nei prossimi giorni

Vuoi iscriverti alla lista di attesa? Compila il seguente modulo

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra lista di attesa

Sarai il primo a ricevere le comunicazioni riguardo le novità e gli ultimi corsi

X