Le vie sindoniche

Le vie sindoniche - Schola Palatina

Il 2015 è l’anno dell’Ostensione della Santa Sindone, da domenica 19 aprile a mercoledì 24 giugno, festa di san Giovanni Battista, patrono di Torino e onomastico di san Giovanni Bosco, del quale proprio quest’anno ricorrono duecento anni dalla nascita. Il periodo previsto per l’Ostensione è, dunque, più lungo – 67 giorni – rispetto a quello di altre esposizioni del Sacro Telo.

La Regina di tutte le reliquie giunse definitivamente a Torino nel 1578, quando san Carlo Borromeo (1538-1584), Arcivescovo di Milano, si mise in cammino, a piedi, per espletare un voto promesso durante la peste: andare a venerare il Sacro Lenzuolo a Chambery. Ma il duca Emanuele Filiberto (1528-1580) ordinò di trasferire la Santa Sindone a Torino per abbreviargli il pellegrinaggio.

Altre trasferte

Il Sacro Lino giunse anche altre volte in Italia. Nel 1515 il Piemonte era stato occupato da armate straniere, mentre Francesco I (1494-1547) di Francia attendeva l’occasione per annettere definitivamente la Savoia e il ducato ai suoi possedimenti. Nel 1536 Francesco I ne decretò infatti l’occupazione, invadendolo con un forte contingente militare. Carlo II/III (la titolazione varia a seconda se suo cugino Carlo Giovanni Amedeo di Savoia venga considerato come Carlo II oppure no) di Savoia (1486-1553) ebbe grandi difficoltà a fronteggiare le truppe nemiche e riparò a Vercelli, per proseguire la difensiva. Decise di portare nel Nord Italia la Sacra Sindone, oggetto troppo ambito per non essere causa di furto o di oltraggi. Forse, approfittando della via fluviale lungo la Stura, i trasportatori con il Sacro Tesoro giunsero alla «Barca» il 4 maggio (memoria liturgica della Santa Sindone) 1536 e da qui, dopo un paio di giorni, raggiunsero Vercelli e Milano.

Il figlio di Carlo detto il Buono, Emanuele Filiberto I, fu determinante per consolidare il potere sabaudo: con la pace di Cateau-Cambrésis del 1559 il ducato divenne indipendente. Emanuele Filiberto trasferì il governo dello Stato in Piemonte, scegliendo Torino quale capitale. Spostando il potere civile, volle spostare anche la Sacra Sindone. Il pellegrinaggio votivo di san Carlo Borromeo gli diede l’occasione propizia.

La giornalista Franca Giusti ha ripercorso personalmente sentieri e vie per restituire un percorso ricco di scoperte e di intensità spirituale e dal suo avvincente pellegrinaggio è nato un volume di grande valore documentario, Pellegrinaggio d’autore ovvero le vie sindoniche, edito da ChaTo e stampato dalla Tipografia Angraf di Torino. Il ricavato della vendita del libro, ad offerta libera, verrà destinato proprio al progetto di ripristino dei sentieri sindonici.

Le vie sindoniche: pellegrinaggio straordinario

La fede contraddistingue questo lavoro, percorre tutto il lungo ed inedito viaggio alla scoperta di uno straordinario pellegrinaggio.

Il devoto lavoro è stato realizzato con puntigliosa determinazione, studiando le pietre prima ancora che la bibliografia – scrupolosamente consultata –, ascoltando la tradizione orale raccontata dalla gente delle valli e dei paesi, osservando e fotografando le testimonianze pittoriche.

Si tratta, quindi, di una raccolta aggiornata dello stato di conservazione delle opere e delle cappelle sindoniche, dove è registrata una tradizione di tre valli subalpine vicine in linea d’aria, ma separate da valichi e lunghe giornate di cammino, tuttavia unite da una sola voce, proprio quella della Tradizione, che da oltre 500 anni narra un evento eccezionale: il passaggio, per due volte (forse anche una terza volta, come dimostrerebbero alcuni studi), della Sacra Sindone nel XVI secolo.

Alcune tele sono veri e propri fermi immagine di momenti specifici in località precise e con personalità aventi nomi e cognomi: tele, effigi, affreschi, che riportano storie di fede e di venerazione.

«Dagli studi effettuati, non esistono altri valichi o passaggi in cui si possa immaginare il cammino della Sindone nel XVI secolo da Chambery a Torino in sicurezza, al riparo dai Calvinisti o dagli Ugonotti, né si possono ignorare le insistenti testimonianze lasciate nelle chiese e cappelle, sulle pareti esterne come in quelle interne di edifici pubblici e privati. Unisona è l’eco della tradizione orale che abbiamo registrato chiacchierando con la gente del posto».

La Sindone venne difesa con coraggio e determinazione da Casa Savoia contro coloro che volevano distruggerla, i protestanti. Fino al regno di Vittorio Emanuele II (che si compromise con massoneria e liberalismo), Casa Savoia era legata a doppio nodo con la Chiesa e la pietà cristiana era vissuta nella corte in maniera esemplare (si pensi ai sei beati sabaudi e a tutti coloro, di questa dinastia, che sono morti in concetto di santità), tanto che la popolazione non solo veniva guidata dal clero, ma emulava i propri sovrani.

Sangue e sudore

Franca Giusti si è messa in cammino con suo padre per seguire le orme di un’antica strada, per poi accorgersi che così antica non era, parla anzi di eternità.

Le suore del monastero di clausura della Visitazione di Pinerolo raccontano che nel 1613 san Francesco di Sales (1567-1622) si trovava a Torino ed era stato scelto dal duca Carlo Emanuele II fra i Vescovi, che dovevano reggere il Santo Telo per un’Ostensione. Era maggio e faceva molto caldo. La folla dei fedeli era immensa. Alcune gocce della fronte madida di sudore del santo savoiardo, miste a lacrime, che uscivano dai suoi occhi colmi d’amore per Nostro Signore, caddero sul «preziosissimo telo».

L’anno seguente, il Vescovo di Ginevra, che convertì migliaia e migliaia di calvinisti, commentò così quell’episodio a Madre Giovanna Francesca de Chantal (1572-1641): «Il Cardinale Maurizio di Savoia fu un po’ seccato di questo fatto, ma in cuor mio io pensavo che Nostro Signore non era così delicato e che aveva sparso sudore e sangue per unirlo al nostro e avvalorarlo per la vita eterna».

D’altra parte la madre di san Francesco di Sales, quando ancora lo custodiva in grembo (1567), promise, durante l’Ostensione ad Annecy e di fronte alla Reliquia delle reliquie, che il bambino che aspettava sarebbe appartenuto al Signore: lei l’avrebbe cresciuto e poi l’avrebbe donato a Lui, per sempre. Anche de Chantal, strettamente unita all’anima di san Francesco di Sales, pregò davanti alla Sacra Sindone. Madama Reale Cristina di Francia (1606-1663) fece dispiegare a Torino il Sacro Lino appositamente per lei, già considerata una santa in vita.

Sentieri, mulattiere, chiese, cappelle, case… raccontano una storia straordinaria e inedita. Franca Giusti e suo padre hanno faticato per raggiungere luoghi, anche impervi, e hanno pure scavato, come devoti archeologi, fra edifici diroccati, in felice ricerca di reperti utili a costruire una storia tanto affascinante quanto ricca di religiosità autentica (http://www.pellegrinaggiodautore.it/Pellegrini.asp).

Grazie a questo prezioso testo veniamo così a conoscenza di un percorso devozionale tanto inedito quanto spiritualmente intenso, idoneo per chi abbia voglia di camminare sia con le gambe che con l’anima, per accorgersi, così, che, come scrisse Shakespeare, «il passato è solo un prologo».

FONTE: Radici Cristiane n. 104

TUTTI I CORSI DI CRISTINA SICCARDI

ALTRI CORSI

Storia dell'Arte

Impressionismo – Modulo 1

19 Giugno 2024 (+ altre date)

9 ore

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Storia dell'Arte

Impressionismo: un’introduzione

12 Giugno 2024

1 ora e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Filosofia

Il male è inevitabile?

06 Giugno 2024 (+ altre date)

6 ore

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Storia dell'Arte

Futurismo e dintorni

05 Giugno 2024 (+ altre date)

4 ore e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

60€ Iva Inclusa

Società e Politica

Martin Heidegger: linguaggio e tecnica nell’epoca della scomparsa del Sacro

03 Giugno 2024 (+ altre date)

6 ore

LIVE STREAMING + ON DEMAND

80€ Iva Inclusa

Storia dell'Arte

Iconografia e società medievale

14 Maggio 2024 (+ altre date)

9 ore

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Musica

Introduzione al canto gregoriano

09 Maggio 2024 (+ altre date)

6 ore

LIVE STREAMING + ON DEMAND

80€ Iva Inclusa

Storia dell'Arte

La Chiesa di Chora: iconografia, liturgia, teologia

CORSO IN AGGIORNAMENTO

6 ore

80€ Iva Inclusa

Storia dell'Arte

Iconografia e società medievale: un’introduzione

07 Maggio 2024

1 ora e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Storia dell'Arte

Il Seicento a Bologna

03 Maggio 2024 (+ altre date)

4 ore e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

60€ Iva Inclusa

Musica

Le origini del Canto gregoriano

02 Maggio 2024

1 ora e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

Letteratura

La dimensione religiosa nella poesia italiana del Novecento

29 Aprile 2024 (+ altre date)

7 ore e 30 minuti

LIVE STREAMING + ON DEMAND

100€ Iva Inclusa